L’aspirina quotidiana non previene dalle malattie cardiovascolari

Il rischio di infarto o ictus non viene ridotto in maniera significativa   Le persone anziane in buona salute non dovrebbero assumere un’aspirina al giorno per proteggersi da infarto e ictus. Chi non presenta fattori di rischio, infatti, non ha nessun beneficio, mentre può avere effetti collaterali. A mettere in guardia nei confronti dell’assunzione della cardioaspirina senza prescrizione medica è uno …

Professioni stressogene, l’odontoiatra tra le prime della classifica

Negli ultimi anni si va distillando una attenzione sempre maggiore nei confronti dello stress correlato al lavoro. È proprio il caso di dire che si tratta di stress causato dal lavoro; già, ma ci sono professioni che implicano un grado ed un livello di stress assai maggiori per gli operatori rispetto ad altre professioni. Un articolo edito recentemente su un …

Ecco perché l’olio extra vergine protegge il cuore

Impedisce la formazione di trombi, evitando ictus e infarto   Ecco perché l’olio extra-vergine fa bene al cuore e alla salute cardiovascolare in generale: aumenta una proteina nel sangue – chiamata ApoA-IV – che tiene a bada le piastrine, le cellule che servono a evitare emorragie ma che, se si aggregano impropriamente, possono portare a trombi (bloccare la circolazione del sangue) …

I Dottori in fuga dall’Italia. Formiamo medici e infermieri. E poi li mandiamo via

La formazione di un laureato costa 150 mila euro. In 10 anni (dal 2005 al 2015) sono stati 10.104 i medici espatriati, secondo i dati forniti dalla Commissione europea sulle migrazioni dei professionisti. La principale mèta è la Gran Bretagna (33%), seguita dalla Svizzera (26%).   A zig-zag tra le contraddizioni, a spese del malato. Da un lato le facoltà di …

Fumo/3. Nel 2015 in UE 5,2 milioni di morti per cancro. Oltre 270 mila i decessi a causa del tumore ai polmoni. I dati Eurostat

Secondo Eurostat che ha diffuso i dati nella giornata mondiale senza tabacco, il cancro del polmone nel 2015 era il principale tipo di cancro mortale nell’Ue, rappresentando oltre un quinto (21%) di tutti i decessi correlati al cancro. Per quanto riguarda la produzione di sigarette inevece, una su tre in Europa viene dalla Germania che ne ha prodotte 168 miliardi. …

Fumo/2. Dal 2000 è diminuito l’uso del tabacco. Ma l’obiettivo di riduzione del 30% nel 2025 è ancora lontano. Ecco l’ultimo report Oms pubblicato in occasione della Giornata mondiale

Il ritmo di azione per ridurre la domanda di tabacco e le relative morti e malattie è in ritardo rispetto agli impegni globali e nazionali di ridurre il consumo di tabacco del 30% entro il 2025 tra le persone di 15 anni e più. Se la tendenza continua così, il mondo raggiungerà solo una riduzione del 22% entro il 2025. …

Fumo/1. Non diminuiscono i consumatori. Focus sui giovani: uno su dieci fa uso di tabacco e più della metà di questi anche di cannabis, pratica poco sport, ha un basso livello di cultura ed eccede con l’alcol. Il rapporto dell’Iss

Nella Giornata mondiale senza tabacco l’Istituto superiore di Sanità ha diffuso i dati italiani. Ricciardi (Iss): “Urgente educare a corretti stili di vita fin da piccolissimi per evitare la sovrapposizione di dipendenze pericolose”. Pacifici (Ossfad): “La metà dei giovani è entrato in contatto con i prodotti del tabacco: i ragazzi sono il serbatoio di riserva del tabagismo”.    31 MAG …

Generazione di intossicati da Internet

Gli adolescenti di oggi vanno a giga e telefonini. Un ragazzo su 3 cade letteralmente nel panico appena finisce il traffico Internet sul proprio smartphone ed il 20% non riesce neanche ad aspettare il rinnovo della propria tariffa telefonica. A lanciare l’allarme da dipendenza da Internet è una ricerca condotta da Skuola.net, Università Sapienza di Roma e Università Cattolica di Milano …

Stress: ne soffrono 9 italiani su 10

Mal di testa, stanchezza generale, mal di stomaco, insonnia e dolori muscolari. Questi sono solo alcuni dei disturbi legati allo stress che colpisce quasi 9 italiani su 10. A rivelarlo è uno studio che mette in relazione stili di vita e stress promosso da Assosalute (Associazione Nazionale farmaci di automedicazione che fa parte di Federchimica). Secondo l’indagine i disturbi da stress …

Le notifiche dello smartphone danno dipendenza

Arrivano con vibrazioni, trilli e suonerie. Sono le notifiche dello smartphone che ci annunciano l’arrivo di una mail, di un messaggio whatsapp o di un tag su Facebook e di cui ormai non riusciamo più a fare a meno fino a generare una vera e propria dipendenza. A evidenziare come il meccanismo che sta dietro all’abuso di telefonini e tablet …